L'itinerario D del Comune di Verona - Itinerari Verona

Login / Registrazione
travelitalia

L'itinerario D del Comune di Verona

29/04/2010
Tempo: 4 ore
Vota questo itinerario!
attualmente: 09.56/10 su 9 voti
Questo itinerario di Verona di circa 4 ore ti porterà a visitare la zona circostante al Colle San Pietro. Partendo dall'imponente Teatro Romano procedi lungo l'Adige verso Piazza Isolo, fino ad incontrare la Chiesa di San Tomaso Cantuariense, chiesa meno conosciuta ma non meno interessante. L'itinerario prosegue con la visita del Giardino Giusti, uno dei più bei giardini italiani del tardo Rinascimento, e la meravigliosa Chiesa di Santa Maria in Organo. Si sale quindi nella zona di San Giovanni in Valle per visitare la Chiesa di San Giovanni in Valle e, passando per Villa Francescatti, sede dell'Ostello della Gioventù si giunge infine a Castel San Pietro per godere il più bel panorama di Verona.
L'itinerario "L'itinerario D del Comune di Verona" è composto di 7 tappe:
A) Teatro Romano
Cenni storici. E’ stato costruito nell’ultimo quarto del I secolo a.C., ai piedi del Colle di San Pietro. Il cantiere del Teatro restò aperto per alcuni decenni, com'era naturale data la grandiosità dell'edificio. I pochi ruderi oggi visibili non sono certamente in grado di documentarne l'antico splendore. Nel corso del tempo, il manufatto subì l’ingiuria del tempo, dei cataclismi e giacque per secoli interamente sepolto sotto miserabili casupole. Fu solo intorno al 1830 che il veronese Andrea Monga acquistò a sue s...
B) Chiesa di San Tomaso Cantuariense
Cenni storici Nella zona dell’Isolo sorse in età cristiana una modesta chiesuola, di cui poco sappiamo. Fu poi costruito un tempio cristiano, probabilmente nell'XI secolo. Nel 1316, questo tempio fu solennemente consacrato a San Tomaso di Canterbury. Nel 1348, i Carmelitani presero a costruire una seconda chiesa, più grande, da dedicarsi alla Vergine Annunziata, che fu consacrata nel 1351. Le due chiese esistettero fianco a fianco fino al 1484, quando fu demolito l’antico tempio, e si cominciarono i lavori che a...
C) Giardino Giusti
Cenni storici. Il Giardino Giusti è uno dei più bei giardini italiani del tardo Rinascimento, e appartiene e fa da splendida appendice al Palazzo Giusti. Iniziato alla fine del cinquecento, il giardino fu via via completato ed abbellito. In esso, scrisse il Vallotto, la magnificenza gareggia con la natura e la sua costruzione, per accorgimenti, per accostamenti ad altri congeneri di Firenze, Fiesole, Roma, è da defininirsi “all’italiana”. La seconda Guerra Mondiale colpì duramente questo giardino: le piante se non...
D) Chiesa di Santa Maria in Organo
Cenni storici. Monastero benedettino, costruito in epoca longobarda, Santa Maria in Organo sarebbe il più antico monastero di cui si abbia notizia per la città di Verona. Il monastero e la sua chiesa furono rifatti entrambi dopo il terremoto del 1117 e di nuovo ricostruiti dalla metà del quattrocento alla metà del cinquecento dagli Olivetani che - dopo la dilapidazione scaligera e viscontea - erano stati chiamati a reggere l'abbazia. Nella seconda metà del cinquecento l’abbazia ospitava ventisei monaci. Chiesa e...
E) Chiesa di San Giovanni in Valle
Cenni storici. La storia di San Giovanni in Valle è storia di tre chiese: la cripta risale ai secoli V-VI e fu costruita su un antico cimitero paleocristiano; la seconda chiesa fu eretta dai Longobardi nei secoli VI-VII e fu distrutta dal terremoto del 1117; la chiesa attuale risale al 1120, e fu ricostruita sulle rovine della precedente. Fu pieve battesimale con arciprete e “collegiata” di confratelli. Architettura ed arte. In stile romanico, con la facciata e i fianchi in tufo, a tre navate e tre absidi, con c...
F) Villa Francescatti
Cenni storici Villa Francescatti, dopo il suo restauro e la destinazione ad Ostello della gioventù, ha assunto importanza crescente sia per il turismo giovanile, come dimostra l'aumento degli arrivi, sia per la città di Verona, che ha trovato nella Villa stessa la valorizzazione urbanistica di una zona particolarmente centrale e un servizio efficace alle correnti turistiche che la raggiungono. All'ingresso della valletta di San Giovanni, e alle pendici del colle di San Pietro - quest'ultimo sistemato a terrazze...
G) Castel San Pietro
Cenni storici Il colle è situato in posizione strategica. Era abitato fin dai tempi di Verona romana e continuò ad essere abitato nel periodo delle invasioni barbariche, da Alboino e Rosmunda, da Pipino, da Berengario, re d’Italia. Sulle rovine della rocca fatta costruire da Berengario fra la fine del sec. IX e l’inizio del X, e presso l’antica chiesa romanica di San Pietro in Castello – che aveva dato il nome al colle – Giangaleazzo Visconti costruì Castel San Pietro nel 1398. L’edificio dominava Verona dall’alto...

Condividi "L'itinerario D del Comune di Verona" su facebook o altri social media!