Selva di Progno (e Giazza) - Lessinia

Login / Registrazione
travelitalia

Selva di Progno (e Giazza)

Lessinia / Italia
Vota Selva di Progno (e Giazza)!
attualmente: senza voti.
CENNI STORICI

La storia della zona è antica, ma diventa singolare con l’insediamento dei Cimbri, nel XII secolo. L’origine dei Cimbri è ancora avvolta nel mistero. E’ documentato che nel 1187, nuclei di coloni bavaresi, che avevano già occupato stabilmente le parti alte del vicentino, ottennero dai Signori e dai Vescovi di Verona - Bartolomeo e Piero della Scala - concessioni di terreni da dissodare e privilegi amministrativi ed ecclesiastici sull'altipiano dei Lessini; il nucleo di questa colonia si stabilì a Roverè di Velo, che restò centro d'attrazione di successive immigrazioni. Gli stanziamenti tedeschi avvennero gradualmente, estendendosi sull'altipiano e nelle valli dei Lessini. La parlata cimbra, simile al tedesco antico, sopravvive ancora oggi nei paesi di Giazza nei Tredici Comuni, a Roana nei Sette Comuni e a Luserna nel Trentino.
Da un documento del 1387, appare che Selva era in unione amministrativa con la località Frizzolana (Boscochiesanuova). Più tardi, Selva divenne comune autonomo, comprendendo le frazioni di San Bartolomeo (o Bortolo) delle Montagne, Campofontana e Giazza. In epoca viscontea, Selva di Progno è ricordato come VI comune del «Vicariato delle Montagne». Pochissime sono le notizie storiche degne di nota nel periodo dell'occupazione veneziana, napoleonica e austriaca, salvo una sosta dell'imperatore Massimiliano d'Austria sull'angusta piazza del paese, e il passaggio verso Revolto di Vittorio Emanuele III.
  1. Selva di Progno ha un nome significativo: il paese è posto in una rigogliosa valle attraversata da un modesto torrente, verso il quale confluiscono numerosi piccoli ruscelli chiamati, nel dialetto veronese "vaj". Selva è un centro turistico-artigianale, adagiato ai piedi delle montagne che lo circondano.
  2. San Bartolomeo delle Montagne, detto anche «Al Tedesco», è nominato in una carta del 1408 e poi come comune teutonico del 1616. Il paese è situato in ottima posizione su un cocuzzolo a cavaliere tra la convalle di Tanara (Sant'Andrea) e l'alta valle dell'Alpone.
  3. Campofontana, il più alto paese della provincia (m. 1225), è situato a nord-est di Selva, presso la vetta dello «Spitz». È ricordato da documenti solo alla fine del sec. XIV; la grande antichità attribuitagli è una favola. Magnifica la posizione sull'altipiano ondulato, che presenta uno splendido panorama.
  4. Giazza (la cimbra Ljetzan, 758 m.) si trova poco a nord di Selva, sul declivio meridionale del Campostrin, alla confluenza delle due valli di Revolto e Fraselle. Il paesello rappresenta l'estremo punto al quale si spinsero i valligiani, ed è formato da un pugno di casette, molte delle quali presentano tipici affreschi, com'è tradizione in tutta la Lessinia. Le abitazioni sono disposte in semicerchio attorno alla piccola pliatz, che a sua volta è vicina al torrente d'Illasi. Il paesino, aggrappato alla roccia, è un suggestivo dedalo di strette viuzze; le sue case più vecchie in località Loban sono del sec. XVII. Giazza ebbe una certa importanza solo verso il 1798, quando fu eretta in parrocchia. La circondano montagne e fitti boschi, i quali, secondo le leggende, prima del Concilio di Trento erano abitati da fade, folletti, anguane, orchi e Sealagan Laute, Beate Genti, creature vestite di corteccia d'abete che rischiaravano il loro cammino con un braccio umano infuocato.
DA VEDERE
  1. A Selva di Progno, la chiesa parrocchiale di San Domenico, di stile neoclassico. Di recente costruzione e annoverata tra gli edifici monumentali della provincia, la chiesa possiede una tavola mal ritoccata con un Sant'Andrea del Cavazzola; un altare ligneo del seicento ha sul tabernacolo un quadretto con L'ultima Cena, attribuito alla scuola del Veronese.
  2. A San Bartolomeo delle Montagne, il Museo dei Trombini.
  3. A Giazza, il Museo dei Cimbri.
  4. A nord di Giazza, la Foresta Demaniale Regionale, ricca di vegetazione e di fauna. In questo bellissimo ambiente naturale, sono inseriti accoglienti rifugi.
Condividi "Selva di Progno (e Giazza)" su facebook o altri social media!

Selva di Progno (e Giazza) - Commenti [0]

 

Aggiungi commento


Nome
Cognome
Email (non sarà pubblicata)
Commento (non sono ammessi tag HTML)
Inserisci il codice di sicurezza indicato di seguito*
 
Vuoi ricevere via email la notifica per ogni nuovo commento inserito?
No Si

* Impedisce l'esecuzione di script automatici non autorizzati.