Battistero di San Giovanni in Fonte - Verona

Login / Registrazione
travelitalia

Battistero di San Giovanni in Fonte

Verona / Italia
Vota Battistero di San Giovanni in Fonte!
attualmente: 08.00/10 su 1 voti
Dalla chiesa di Sant’Elena, si può passare direttamente in un'altra chiesa attigua che si chiama San Giovanni in Fonte, e che (lo si capisce anche dal nome) era in antico un battistero, il battistero della Cattedrale, quando il sacramento del battesimo veniva somministrato secondo rigorosissime norme in luoghi appositi, e non in tutte le chiese come adesso.

La chiesa, come la vediamo, risale al 1123, ma le sue origini sono tanto più antiche (VIII-IX secolo): le sue forme architettoniche sono molto interessanti, ma la cosa più importante, qui dentro, è il fonte battesimale, una grande vasca ottagonale di marmo rosso veronese con otto bellissimi riquadri scolpiti, rappresentanti ciascuno una scena della vita di Gesù e della Vergine; e sono così belle, queste scene, che molti studiosi le considerano il capolavoro della scultura romanica veronese. Sono anche molto antiche, intorno al 1200, e furono eseguite, alcune da un artista di fuori, probabilmente veneziano, e le altre - si pensa - da un veronese (secondo alcuni lo stesso Maestro Briolòto che lavorò anche a San Zeno).

Osservando queste sculture a rilievo (cioè con solo una parte della figura che, emerge dal fondo), si nota che esse sono straordinaria-mente vive, espressive, convincenti, anche se rappresentano cose, persone, animali un po' diversi da come ci appaiono nella realtà.

E’ l’eterno discorso del "diritto" che gli artisti di ogni epoca si riservano di "interpretare" la realtà naturale delle cose secondo una loro personale visione, secondo il loro sentimento, secondo la loro cultura.

In queste scene di San Giovanni in Fonte, per esempio, si vede come esse conservino intatta la loro forza, la loro vitalità, la loro "verità", anche se i gesti, i particolari delle immagini (le pieghe delle vesti, i capelli, le barbe ecc.) sono ridotti a un sottile movimento di linee geometriche variamente e sapientemente disposte. Ciò corrisponde anche al gusto dell’epoca, ancora abbastanza vicino, in questo, al modo di esprimersi dell’arte bizantina.

Guardiamone almeno uno di questi rilievi: per esempio, quello bellissimo con la Fuga in Egitto, che è una poetica scena familiare (ripetuta infinite volte nell’arte di tutti i tempi e di tutti i paesi), così intima e così piena di religiosità. San Giuseppe vi appare per ben due volte, a sinistra mentre riceve l’avviso dell’Angelo che gli suggerisce la fuga, poi di nuovo a destra, quando procede con passo stanco, voltandosi a guardare la Madonna che lo segue sul paziente asinello.
Condividi "Battistero di San Giovanni in Fonte" su facebook o altri social media!

Battistero di San Giovanni in Fonte - Commenti [0]

 

Aggiungi commento


Nome
Cognome
Email (non sarà pubblicata)
Commento (non sono ammessi tag HTML)
Inserisci il codice di sicurezza indicato di seguito*
 
Vuoi ricevere via email la notifica per ogni nuovo commento inserito?
No Si

* Impedisce l'esecuzione di script automatici non autorizzati.